Resta in contatto

Approfondimenti

Non facciamo calcoli: godiamoci il momento e sogniamo

Atalanta

La sfida contro l’Inter ci ha detto che questa Atalanta è viva, affamata e culla il colpaccio

Udite udite l’Atalanta esce da San Siro con uno 0-0 che vale l’aggancio al Milan in quarta posizione e, soprattutto, non consente lo scatto all’Inter in terza posizione. La formazione allenata da Luciano Spalletti mantiene sì il gradino più basso del podio con un gruzzoletto di punti (quattro per l’esattezza) sulla coppia inseguitrice, ma con sette gare ancora da giocare può essere considerato un margine non eccessivamente rassicurante.

PIERGOLLO SUPERSTAR. Anche per quest’ultimo motivo l’Atalanta dovrà continuare a giocare alla morte fino alla fine, come fatto anche ieri, magari interpretando la gara in maniera diversa rispetto al solito, ma risultando comunque efficace. Lo 0-0 rappresenta un’anomalia per una squadra che detiene il primato nella classifica dei gol realizzati, ma è da considerare un punto d’oro per come si è evoluto il match. L’Inter è stata tutt’altro che appannata e creando diversi pericoli, ma tutta la squadra, e soprattutto un Gollini in grande serata, hanno evitato il ko. In particolare modo, l’estremo difensore merita una citazione perché sta proseguendo il proprio percorso di crescita e, con l’ottima prova di ieri, ha prontamente riscattato quella disattenzione di giovedì sulla punizione di Orsolini.

MUSA NON ISPIRA. Chi invece è finito un’altra volta dietro la lavagna è Musa Barrow. L’attaccante gambiano sembra il fratello gemello di quello apprezzato nel finale della scorsa stagione e nella prima parte di quella in corso. Ieri ad esempio è riuscito a sbagliare quasi tutto e soprattutto appare quasi demoralizzato dal fatto di essere impegnato con il contagocce. Certo, aver davanti a sé uno dei bomber più prolifici del nostro campionato come Duvan Zapata e due giocatori di qualità come Josip Ilicic e Papu Gomez che sono fondamentali per l’economia del gioco di squadra, non aiuta certo Barrow, che comunque resta un patrimonio di questa Atalanta e va assolutamente aiutato ad uscire da questo momento negativo. Che tocchi a lui con l’Empoli?

PROSSIMI IMPEGNI. Calma e gesso. Gasperini ha evitato tabelle preferendo concentrare le energie sulla singola partita e, obiettivamente, è difficile dargli torto. In successione ci saranno Empoli, Napoli, Fiorentina in Coppa Italia e Udinese. Quarto gare che, per diversi motivi, hanno un coefficiente di difficoltà elevato. Empoli e Udinese sono in lotta per non retrocedere e hanno necessità di punti, il Napoli al San Paolo rende sempre la vita difficile a qualsiasi avversario, mentre la Fiorentina deve assolutamente vincere a Bergamo se vuole raggiungere la finale di Coppa Italia. Pertanto con queste premesse è inutile ragionare troppo in là, ma piuttosto godiamoci il momento e sogniamo.

4 Commenti

4 Comments

  1. Commento da Facebook

    aprile 9, 2019 a 04:25

    Non voglio fare sempre il pessimista cosmico, ma ieri su diversi siti veniva riportato che Campedelli è ancora indagato dalla giustizia, stavolta ordinaria, per le “plusvalenze fittizie” col Cesena. E mi sono ricordato che in quegli anni lì anche noi abbiamo fatto diversi scambi di giocatori con la società romagnola (ad esempio, Valzania). Ed un brivido mi è corso lungo la schiena…..

  2. Commento da Facebook

    aprile 8, 2019 a 10:10

    …Apprezzare il presente senza MAI dimenticare il passato!
    Detto questo, forza ATALANTA!!!

  3. Commento da Facebook

    aprile 8, 2019 a 08:46

    Passo dopo passo con determinazione verso un nuovo sogno tutti insieme giocatori tifosi società e tutti quelli vogliamo bene a questa meravigliosa realtà chiamata ATALANTA

  4. Commento da Facebook

    aprile 8, 2019 a 08:42

    Si,assolutamente…guardavo il nostro calendario ( Lazio,juve e Napoli fuori) e quello delle altre e mi ha preso lo sconforto😂😂😂 avanti una partita alla volta verso il miracolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BERGAMO su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti