Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Riva (avv. Curva Nord): “Ragazzi picchiati senza motivo”

Curva Nord

La nostra intervista all’avvocato della Curva Nord, che ci racconta la sua versione: “Mi hanno chiamato dicendo che li stavano ammazzando di botte”

Federico Riva è un grande tifoso dell’Atalanta, ma prima di tutto un avvocato, tra i suoi assistiti ci sono da sempre membri della tifoseria nerazzurra. Ieri, come spesso accade, è partito con loro in pullman per seguire la squadra di Gasperini a Firenze, impegnata nella semifinale di Coppa Italia. Il suo racconto, da testimone diretto, lascia a bocca aperta.

“I ragazzi che erano sul primo pullman raccontano questo. Ad un certo punto è arrivato un cellulare del reparto mobile, che li ha affiancati, urlando all’autista di fermarsi. Sono saltati giù dai mezzi, già in assetto antisommossa, con caschi e manganelli. Aperte le porte sono saliti, in due gruppi, iniziando a picchiare tutti coloro che si trovavano all’interno, senza un reale motivo”.

“Poi sono arrivato io e sono stato allontanato. Li hanno fatti scendere uno ad uno, presi a calci, sberle, pugni. Una volta identificati e messi contro il muro, con le braccia tese, sono entrati a bonificare il pullman, su cui non hanno trovato nulla. Nemmeno un passamontagna. Poi li hanno fatti risalire, obbligandoli a tenere la testa bassa, prendendoli di nuovo tutti a calci, manganellate, pugni”.

Questa, invece, è la situazione vista dagli occhi di Riva, descritta nei dettagli ai nostri microfoni: “I pullman degli ultras sono stati i primi ad andare via. Si era quindi formato un corteo con un pullman, poi un cellulare della polizia, un altro pullman e così via. Io ero sul terzo, a guidare il gruppo c’era una macchina della polizia. Eravamo sulla superstrada che conduce al casello di Firenze Sud. C’erano due corsie, più quella d’emergenza. Oltre a viaggiare in questa situazione, sulla nostra sinistra c’erano altre auto della polizia o dei cellulari. Ad un certo punto, sempre a sinistra, vediamo passare dei cellulari a tutta velocità, con i lampeggianti accesi. E abbiamo pensato: ‘Qui sta succedendo qualcosa'”.

curva nord

L’immagine dimostra la vicinanza tra il McDonald’s (dove sono avvenuti i fatti) e il casello dell’A1 Firenze Sud

Avevano ragione: “Ci fermiamo tutti, sulla corsia di destra, senza capire cosa stia accadendo. Ci fanno quindi ripartire, spostandoci però sulla corsia di sinistra, quella di sorpasso. Mentre stiamo ripartendo, mi arriva una telefonata: ‘Chicco, corri, vieni qui, ci stanno massacrando di botte sui pullman’. In quel momento, vediamo un pullman fermo sulla destra, a cui stanno mettendo dei blocchi sulle ruote posteriori. Affiancando, vediamo diversi agenti del reparto mobile ammassati alle porte di ingresso del bus, ma senza che ci fossero tifosi fuori”.

“Io riferisco ai ragazzi ciò che stava succedendo e loro mi rispondono ‘fermiamoci, non possiamo lasciarli da soli’. Così il nostro autista accosta sulla destra della carreggiata. A quel punto veniamo sorpassati da tutti gli altri pullman, che se ne vanno. Arriva un gruppo di agenti, comandati da uno in borghese con il casco. Appena aperte le porte, questo poliziotto dice alla prima persona che si trova di fronte: ‘Se metti un piede a terra ti ammazziamo di botte’. Puntandogli il manganello”. 

La polizia non ha nemmeno permesso a Riva di svolgere il proprio lavoro: “Così io prendo il mio tesserino da avvocato e gli dico: ‘Sono l’avvocato Riva, mi hanno chiamato dal pullman che avete fermato, chiedendomi di venire. Le chiedo di accompagnarmi dal funzionario che dirige l’ordine pubblico’. La situazione si è tranquillizzata e mi hanno fatto scendere dal pullman, che è rimasto controllato a vista dalla polizia, mentre mi accompagnano al bus che era circa cento metri dietro di noi”.

“Quando arrivo la situazione è questa: tutti i ragazzi sul pullman, li vedo dal parabrezza anteriore. La celere era schierata su tre lati, davanti, dietro e sul lato delle porte. Ad un certo punto vedo un funzionario in borghese, che si rivolge ad un altro del reparto mobile. Gli chiede ‘cos’è successo’. Gli viene risposto che sull’autobus erano tutti travisati e hanno accelerato per combinare qualcosa, circostanza assolutamente non vera, perché davanti avevano una volante e non potevano aumentare la velocità. Ma soprattutto eravamo a trecento metri del casello autostradale”.

“Questo funzionario mi vede e mi dice: ‘Ma lei chi è’, gli risponde l’agente che mi aveva accompagnato, spiegando che sono l’avvocato e di essere stato contattato dai presenti sul pullman. Lui mi guarda e dice di portarmi via, ma io rispondo che ho tutto il diritto di stare lì, essendo stato chiamato da dei miei assistiti. Mi viene risposto che devono identificare i soggetti, ma la procedura mi consente di essere presente. Niente da fare, mi scortano per portarmi via, a circa cento metri da loro, mettendo sei carabinieri a tenermi d’occhio cosicché non mi avvicinassi. Così non vedevo nulla, perché mi coprivano la visuale”.

“Io cerco di riavvicinarmi, ma dicono che assolutamente io lì non posso stare. “Per me lei è un ultras, non un avvocato”, mi viene detto. Torna di nuovo per dirmi di andare via, al che rispondo: ‘Prenda i dati del mio tesserino, ma lei mi dia le sue generalità’. A quel punto si ritrae, visto che mi parlava ad una spanna dalla faccia, con atteggiamento molto intimidatorio. Chiama il maresciallo, a cui spiego la situazione, che mi dice di aspettare che si concluda la procedura. Questo è ciò che ho visto io”.

Importante sottolineare quanto l’azione della polizia sembri immotivata: “Non ci sono stati agguati da parte dei tifosi della Fiorentina, nessuno scontro o momento di tensione. Dopo la partita, nel parcheggio del settore ospiti, si diceva che ci fossero dei sostenitori viola in un parco che c’era lì. Ma non era vero e tutto è tornato subito alla normalità, senza alcun tipo di colluttazione. Questo episodio sarà durato tre minuti, senza nemmeno un lancio di oggetti, quindi siamo saliti sui pullman con grande tranquillità”.

“Ora presenteremo degli esposti. Alla magistratura e al ministero, so che Belotti si è già mosso in questo senso. Vogliamo delle spiegazioni di quanto è successo. Io ho già sentito diverse versioni dalla Questura di Firenze, parlando di scontri con i tifosi della Fiorentina. E non è vero. Oppure che volessero scendere dal pullman per caricare dei ragazzi fuori da una discoteca. E non è vero, perché non c’era nessuna discoteca. Abbiamo oltre trenta referti, di ragazzi che sono finiti in ospedale”.

49 Commenti

49
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Infami fiorentini!!!

Top Jones
Ospite
Top Jones

Che c’entrano i fiorentini? C…ne

Mauro
Ospite
Mauro

Cosa c ‘entrano i fiorentini

RIC
Ospite
RIC

che cazzo c’entrano i fiorentini Inserisci il commento…

RIC
Ospite
RIC

per me e simulazione di Chiesa

Commento da Facebook

Vergognosi 😕😠

Commento da Facebook

Assurdo!!!

Commento da Facebook

Vergogna! Frustrati violenti delinquenti in divisa

Commento da Facebook

Assurdo

Commento da Facebook

Io non capirò mai la violenza, figuriamoci nel calcio, abbiamo tutti delle famiglie che ci aspettano a casa, molti dei figli, che senso ha?

Commento da Facebook

È sempre stato così, la celere è composta da esaltati.

Commento da Facebook

Vergogna

Commento da Facebook

CODICEIDENTIFICATIVOOOOO!!!

Commento da Facebook

pazzesco, spero che chi si è macchiato di questa vile azione, paghi…

Commento da Facebook

Va fatta chiarezza

Commento da Facebook

Chi si nasconde dietro una divisa pensando di poter fare ciò che vuole è solo un vile fallito gran pezzo di merda, il tempo passa ma le cose non cambiano.

Commento da Facebook

I soliti esaltati con la divisa spero che non ci siano stati dei ragazzini tra i tifosi picchiati e inaudito parlare di stop alla violenza e sono i primi che la istigano con i gradi sulle spalle…..vergognatevi

Commento da Facebook

Assurdo

Commento da Facebook

Che schifo

Commento da Facebook

Lerry Bergamini

Commento da Facebook

Acab

Commento da Facebook

Vergogna

Leo 80
Ospite
Leo 80

Abuso di potere!

Giuseppe Figlioli
Ospite
Giuseppe Figlioli

La mia solidarietà Avv. Riva per quanto accaduto.
Un saluto da un padre di famiglia
Con stima
Giuseppe Figlioli

Devid
Ospite
Devid

Teppisti in Divisa

Commento da Facebook

Ho ricevuto un video con apposito assalto della polizia. Ma non vorrei avere problemi….

Commento da Facebook

E la società dov’è? Perché non si fa sentire?????🤔🤔🤔🤔

Commento da Facebook

Pazzesco

Commento da Facebook

A Bergamo per gli acab sarà una notte lunga lunga…
Solidarietà da Vicenza.

Commento da Facebook

Vergognosi 😡😡

Commento da Facebook

Con un avvocato che si chiama Riva, non si può che vincere 💪🏼💪🏼💪🏼

Silvana Brigato
Ospite
Silvana Brigato

È Una situazione VERGOGNOSA..i poliziotti..devono essere i primi A dare il buon esempio!! Loro non sono superiori a nessuno..CON le armi in mano..il gruppo di BASTARDI TRA LORO SI INTENDONO..E COLPISCONO ..FORTE ..FANNO MALE..Ma IL SUPREMO LASSÙ..LE DARÀ CIÒ CHE SI MERITANO..ANCHE QUI”; PAGHERANNO!! SONO SOLO ANIMALI FEROCI CHE SFOGANO LA LORO RABBIA..PREPOTENZA COSI..UNA SCHIFEZZA!! SENZA NESSUNA DIGNITÀ!! DOVETE MORIRE ..ANCHE VOI..FACCE DI MERDA!!

Tatiana
Ospite
Tatiana

Questa è violenza pura. Qualcuno deve pagare. Questi cellerini qui sono esaltati fatevi visitare da uno bravo

Commento da Facebook

Talmente assurdo da non crederci, sembra di rivivere il G8 di Genova, irruzione alla caserma Diaz!

Commento da Facebook

Pazzesco!!

Stefania Tiraboschi
Ospite
Stefania Tiraboschi

Mio marito e mio figlio erano su uno dei tanti pulman presenti a Firenze da Bergamo. Mi hanno raccontato di una trasferta bellissima, di una partita bellissima svoltasi nel più completo clima sportivo.

Commento da Facebook

Certa gente prima di scrivere cazzate su 130 “pseudo” delinquenti si dovrebbe informare ! Se poi aggiungiamo che in tribuna i “civilissimi” signori di Firenze hanno preso a ceffoni gente bergamasca x il solo fatto di aver esultato al gol atalantino. Proprio gente che insegna il senso civico e l’educazione. Ma per piacere …….

Commento da Facebook

Genova scuola non ha insegnato niente, i soliti esaltati non sono degni di vestire una Divisa.

Commento da Facebook

Lo stato ha il monopolio della violenza. Guardate cosa è successo in Catalogna nel silenzio di tutti

Valentina
Ospite
Valentina

Che schifo…solo perché portate la divisa….mi piacerebbe vedere se senza divisa vi comportate così penso propio che sareste scappati a gambe levate…. Fate schifo e andate a rompere a chi dovete veramente

Commento da Facebook

Inammissile, immotivato e vergognoso!

Commento da Facebook

Non ho parole.. Solo parolacce.. Poi è sempre colpa dei tifosi

Commento da Facebook

Si muovesse anche la società a tutela. Atalanta bc non è solo la squadra!

Commento da Facebook

Scusate…ma se erano sul pullman verso l’autostrada…come possono aver aggredito i poliziotti ad assalirli…se avessero voluto farlo lì avrebbero assaliti prima… fuori dallo stadio…..son stati fermati con il preciso intento di creare loro lo scontro…. ovviamente gli atalantini hanno reagito…..

Commento da Facebook

😡😡😡😡😡

Commento da Facebook

Vergognosi…

Commento da Facebook

La versione è un pullman rallenta inspiegabilmente una pattuglia si ferma chiede il motivo è il responsabile della Polizia viene colpito nel viso da lì il caos. Però non mi tornano i fatti non ha senso questo scontro. Non vorrei che fosse un regolamento di conti fra Polizia e Atalantini

Commento da Facebook

Sembra sia azione punitiva prendere i poliziotti che hanno avuto quest’idea e mandateli a lavorare in miniera sottoterra senza pane e acqua

Commento da Facebook

VERGOGNA FIRENZE: 🔵⚫️🔵⚫️NOI ERAVAMO IN TRIBUNA POLTRONISSIME: Appena entrati la sicurezza ci ha chiesto di togliere le sciarpe dell’Atalanta, noi ci siamo ovviamente rifiutati (perché?) appena seduti sono iniziate imprecazioni, al primo gol Atalanta ci e’ arrivato addosso da 6/7 file dietro un bicchiere pieno di coca cola, sputi e monetine lanciate da dietro e dal parterre davanti. Arrivano gli stuart della sicurezza dicendo a noi che a firenze non possiamo esultare saltando in piedi (roba da pazzi…) 10 minuti dopo la fine della partita la sicurezza non si e’ accorta che 3 persone dal parterre sono salite nelle poltroncine… Leggi il resto »

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BERGAMO su Sì!Happy

Altro da Esclusive