Resta in contatto

Rubriche

Penna in trasferta – Stefano Manfredini (Resto del Carlino): “Petagna? Fin qui ottima stagione”

andrea petagna

Il giornalista vicino al club di Ferrara analizza la situazione in casa della formazione allenata da Leonardo Semplici

Dopo il successo esterno ottenuto sul campo del Cagliari, l’Atalanta torna a disputare un incontro di campionato fra le mura amiche contro la Spal. Domenica i nerazzurri affronteranno i ferraresi e con Stefano Manfredini, giornalista de Il Resto del Carlino, analizziamo la situazione degli estensi.

Manfredini, che paura fa questa Atalanta alla Spal?
“Ne fa tanta perché probabilmente è la squadra più in forma del momento: ha dominato la Juventus in Coppa Italia, segna tantissimi gol e possiede il miglior attacco in campionato, ha trovato una solidità in difesa e si gioca a Bergamo che è un fattore non trascurabile. Però la Spal si presenta con una situazione di classifica positiva e si trova in una buona condizione, per cui vedo l’Atalanta nettamente favorita, ma la Spal avrà gran poco da perdere”.

Quali potrebbero essere le armi per contrastare la Dea?
“Intanto c’è una dato curioso che evidenzia come la Spal non abbia perso negli scontri diretti recenti, nonostante l’Atalanta sia più forte e attrezzata. L’anno scorso arrivarono due pareggi e quest’anno ci fu il successo a Ferrara. Ciò significa anche che la Spal possiede le caratteristiche per mettere in difficoltà l’Atalanta anche se, per dover di cronaca, va ricordato anche che il match della prima tornata si disputò forse nel momento peggiore dei nerazzurri che coincise con quello migliore dei biancazzurri. Ora la Spal sta bene, ha raccolto cinque punti in questo ritorno e ha vinto in rimonta a Parma”.

Che gara si aspetta?
“Credo che la Spal debba fare una attenta e organizzata nelle retrovie cercando di concedere il meno possibile e sperando in qualche ripartenza o palla inattiva. Giocarsela colpo su colpo on l’Atalanta sarebbe un suicidio”.

Che Spal troveremo?
“La formazione sarà condizionata dalle squalifiche di due titolari come Felipe e Fares. Al posto del difensore dovrebbe rientrare Vicari che comporrà la retroguardia a tre con Cionek e Bonifazi, mentre sulla mediana a sinistra ci sarà Costa. Per il resto Viviano fra i pali, intoccabile Lazzari a destra e probabilmente Missiroli nelle vesti di regista con Kurtic e uno fra Valoti e Murgia come interni di centrocampo, mentre davanti troveremo Petagna e il vincente del ballottaggio Paloschi-Antenucci”.

A proposito di Andrea Petagna, come valuta la sua stagione?
“Considerando il rendimento di Zapata, a Bergamo saranno contenti. Ma la Spal è soddisfatta di quello che ha fatto Petagna. Ha iniziato proprio con la doppietta alla sua ex squadra poi ha fatto un po’ di fatica in alcuni momenti che hanno evidenziato quelle difficoltà in zona gol già notate a Bergamo. Ma è un calciatore che si sacrifica tanto, la società ha puntato molto su di lui e anche il pubblico cerca sempre di sostenerlo. Poi comunque, salvo crolli clamorosi, raggiungerà la doppia cifra che, per un attaccante con le sue caratteristiche, rappresenta un buon bottino”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BERGAMO su Sì!Happy

Altro da Rubriche