Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Spagnolo: “Due sconfitte non cambiano il progetto Atalanta”

Il direttore operativo nerazzurro: “Le prestazioni ci sono sempre state e andremo a Udine per fare la nostra partita. Ilicic? ricorso difficile”

Tra gli ospiti della cena natalizia organizzata ieri sera a Grassobbio da A.T.A. c’è stato anche il direttore operativo dell’Atalanta, Roberto Spagnolo. Il dirigente nerazzurro ha incontrato, insieme ai giocatori Pierluigi Gollini e Robin Gosens, oltre 250 presenti per fare il pieno d’entusiasmo per affrontare il mese di dicembre che, calcisticamente parlando, si annuncia molto caldo.

Direttore, quanto sono importanti eventi come questo?
“Moltissimo. Il Presidente Percassi vuole coinvolgere il popolo bergamasco nel progetto Atalanta e in questo modo possiamo testimoniare quanto noi e la nostra gente siamo uniti. Siamo orgogliosi per avere dimostrato che non siamo come ci descrivono. I bergamaschi sanno fare il loro dovere”.

Proiettiamoci sul vostro momento: l’Atalanta è stata ridimensionata dopo i due ko con Empoli e Napoli?
“Assolutamente no. Lunedì abbiamo perso contro una squadra forte. Forse la sconfitta che brucia di più è quella di Empoli, ma credo che sia stato un incidente di percorso”.

Per altro lunedì sera i nerazzurri hanno avuto per lunghi tratti il pallino del gioco.
“Dispiace proprio per quello. Abbiamo perso un gol dopo due minuti e uno quasi allo scadere dopo avere pareggiato e avendo avuto altre occasioni. Siamo fiduciosi perché le prestazioni ci sono sempre state. Serve solo un po’ di pazienza e i risultati arriveranno”.

Ora testa all’Udinese. Che partita sarà?
“L’Udinese è stata costruita abbastanza bene. È partita male, ha cambiato allenatore e questo inciderà, ma noi dobbiamo giocare come sappiamo. Sarà una gara importante ma non determinante. Il nostro percorso sappiamo qual è e come portarlo avanti”.

Magari con un Ilicic in più, se il ricorso dovesse essere accolto.
“Ma non credo che avverrà. La risposta la sapremo domani”.

Oggi conoscerete la prossima avversaria in Coppa Italia. Questa competizione può essere una strada alternativa per arrivare in Europa?
“Sicuramente non lasciamo per strada niente. Tutte le competizioni sono importanti e quindi vogliamo proseguire il nostro percorso anche in Coppa Italia. Inoltre, può essere un’occasione per chi ha giocato meno e valutare le loro capacità”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BERGAMO su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive