Resta in contatto

News

I “ribelli”: via il commissario Figc

Le componenti federali emettono un comunicato di fuoco in cui si pronunciano sulla proroga a Fabbricini fino al 10 dicembre decisa il 10 luglio scorso. Il ruolo del Tar

Roberto Fabbricini deve andarsene subito dopo aver indetto nuove elezioni per il rinnovo delle cariche, senza attendere il pronunciamento del Tar del Lazio sulla sospensiva alla sua proroga fino al 10 dicembre del ruolo di commissario della Federazione Italiana Giuoco Calcio decisa il 10 luglio scorso dal Consiglio nazionale del Coni. Le componenti federali ribelli, ovvero Lega Pro, Lega Nazionale Dilettanti, arbitri e calciatori (B defilata, A assente) hanno emesso un comunicato in cui chiedono al vertice straordinario della Figc di mollare subito, senza aspettare altro tempo.

CONI NEL MIRINO. “I rappresentanti delle componenti della F.I.G.C. (L.N.D., Lega PRO, A.I.A. e A.I.C.) si sono riuniti oggi a Roma presso la sede della LND e hanno condiviso le seguenti considerazioni. La ordinanza del Collegio di Garanzia dello Sport del 31 luglio 2018 obbliga a reiterare la richiesta di immediata convocazione dell’assemblea elettiva degli organi federali e ad agire dinanzi al Tar – si legge -. Il Collegio di Garanzia evidenzia come sia possibile procedere al rinnovo delle cariche della F.I.G.C. ‘a termine dell’attuale statuto’. Viene dunque sconfessato il C.O.N.I. che pone a fondamento della proroga del Commissariamento ‘l’impossibilità di procedere al rinnovo degli organi federali’ in ragione dello Statuto non ancora adeguato alla L. 8/2018. Tale tesi giuridica è spazzata via con forza e chiarezza dal Collegio di Garanzia. Ed allora risulta evidente che il Commissario della F.I.G.C., non convocando le elezioni richieste sin dal 18 maggio 2018, ha posto in essere una condotta palesemente violativa del quadro normativo”.

FABBRICINI, INVITO AD ANDARSENE. “Tale condotta ha avuto quale conseguenza la proroga del suo mandato commissariale del quale è stato l’unico beneficiario, atteso che la Federazione versa in uno stato di profonda confusione determinata dalla sua gestione e dalla incertezza sul futuro della stessa. A tal proposito non può non ricordarsi il caos sulla gestione delle iscrizioni al Campionato 2018-19 fino a costringere la Lega Pro a rinviare la presentazione dei calendari e non iniziare il Campionato il 26 agosto 2018; il flop registrato sulle proposte relative al calcio femminile e all’inserimento delle seconde squadre dei Club di serie A in serie C (una sola squadra si è iscritta a fronte di cinque posti vacanti e il tutto appare ancora più marcatamente segnato dal fatto che gli imprenditori di riferimento di quattro importanti Club di serie A siano intervenuti per assicurarsi il Bari Calcio in serie D). Sul calcio femminile la decisione del Commissario, assunta senza aver condiviso il percorso con le componenti interessate, ha generato la pronuncia della Corte Federale d’Appello modificativa della decisione dello stesso Commissario e la presa di posizione, contro tale decisione degli Organi di Giustizia, dei club interessati”.

AAA ASSEMBLEA CERCASI. “L’ostinarsi nel non convocare l’assemblea sul falso ed errato presupposto che essa non possa essere celebrata con l’attuale statuto, e il non aver posto in essere ‘proposte concrete e articolate’ per adeguarsi alla ‘nuova’ normativa, sono l’evidente segno che il Commissario ha operato esclusivamente per prorogare il suo commissariamento e per impedire le legittime elezioni. Il 20 luglio scorso, dopo la riunione tenutasi con tutte le componenti, Fabbricini dichiarava: ‘Se si voterà con le nuove regole? Dipende da cosa deciderà il Governo. Se ci dirà che i principi informatori non vanno bene andremo a votare con le vecchie regole’. Ed allora Fabbricini, non solo ha agito in violazione delle norme, non solo non ha posto in essere ‘alcuna proposta concreta e articolata’, ma – smentendo le sue stesse dichiarazioni – si ostina a non convocare le elezioni. Ed allora è proprio la lettura dell’Ordinanza del Collegio di Garanzia ad indurre le componenti firmatarie a proseguire innanzi al Tar per veder annullata la delibera di proroga di un Commissariamento illegittimo. E tanto proprio in ragione della circostanza che il Collegio di Garanzia fa venir meno il presupposto della proroga: ‘l’impossibilità di procedere al rinnovo degli organi federali in presenza di un contesto normativo federale non conforme alle disposizioni della L. 8/2018’. Il Commissario Fabbricini convochi le elezioni e si dimetta”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a BERGAMO su Sì!Happy

Altro da News